COVID-19- Aggiornamenti utili per le imprese

Questa News sarà aggiornata puntualmente per le imprese che lavorano senza stabile organizzazione in Francia e nel Principato di Monaco al fine di selezionare le informazioni utili e mirate al proseguimento della vostra attività in Francia e Principato di Monaco. Restiamo a disposizione per maggiori informazioni.

25.03.2020

E’ stata modificata una delle 2 attestazioni per gli giustificare gli spostamenti in Francia. I moduli validi alla data odierna e di cui munirsi per lavorare in Francia sono questi:

Nouvelle attestation dérogatoire.

 le justificatif de déplacement professionnel

19.03.2020

Sono stati pubblicati i Decreti relativi le misure di sostegno alle imprese francesi in emergenza COVID-19. Abbiamo selezionato le misure che possono essere di interesse per le imprese non residenti e gli Auto-Entrepreneur.

Tipologia imposta/contributo Agevolazione
Iva francese (TVA) mensile e trimestrale

Prélèvement à la source PAS (ritenuta alla fonte sui salari dipendenti)

Nessuna.

La TVA e PAS dovranno essere pagati alla scadenza, non saranno accordati sgravi sulle sanzioni di ritardo

Contributi previdenziali URSSAF

(Datori lavoro francesi, UE e extra UE con personale dipendente assunto con contratto di lavoro francese)

Le scadenze mensili di pagamento dei contributo sociali potranno non essere pagate alla scadenza. L’importo sarà dilazionato sulle future mensilità senza applicazione di sanzioni, l’URSSAF prenderà in carico le modalità di rientro

 

Contributi previdenziali HUMANIS

(Datori lavoro francesi, UE e extra UE con personale dipendente assunto con contratto di lavoro francese)

Le scadenze mensili di pagamento dei contributo sociali potranno non essere pagate alla scadenza senza applicazione di sanzioni.

 

Auto-Entrepreneur

Sono previsti 2 tipi di intervento:

  • Presa in carico parziale o totale dei contributi sociali sul fatturato: la scadenza del 31/03/2020 relativa al mese di marzo potrà essere dichiarata a zero;
  • Potranno beneficiare degli stessi aiuti previsti per i lavoratori autonomi e professioni liberali Si tratta dell’Action Sociale, un contributo forfettario per un massimo di Euro 1.500,00 a impresa.

Le condizioni per poter accedere all’aiuto finanziario sono i seguenti:

  • Appartenere ad una delle categorie oggetto della chiusura forzata attività (attività commerciali non alimentari, ristoranti, bar, hotel, turismo, attività culturali e sportive, eventi, trasporti).
  • Aver avuto una perdita ricavi a marzo 2020 non inferiore al 70% rispetto ai ricavi dell’anno precedente (marzo 2019).

La concessione del rilascio seguirà un’istruttoria caso per caso, l’aiuto può essere concesso per un importo inferiore e comunque fino ad Euro 1.500,00. L’istruttoria è a carico dell’URSAAF.

Il modulo per la richiesta dell’aiuto finanziario del Fond Social de l’URSSAF è scaricabile qui  formulaire à télécharger ici

18.03.2020

Principato di Monaco: a seguito dell’intervento del Principe Alberto di ieri sera 17.03 relativo la chiusura dei cantieri edili nel Principato di Monaco, sono state prese le seguenti disposizioni:

  • Sarà pubblicata una Decisione Ministeriale che indicherà le misure necessarie in termini di igiene nell’ambito dell’attività svolta (protezioni, distanze etc..);
  • Per assicurare la continuità del cantiere, i committenti dovranno confermare la capacità di rispettare le misure qui sopra;
  • Saranno eseguiti dei controlli sul rispetto delle norme pena la chiusura del cantiere

Circa i cantieri pubblici, sono chiusi i seguenti: Helios, Jardin d’Apolline, Engelin, NCHPG, Ilot Pasteur, Darse Nord, Complèxe du Larvotto, Honoria, Ida, Testimonio II, Picapeira, Maintien à niveau du CHPG, Entrée de Ville Jardin Exotique, 17, Rue Princesse Florestine e tutti i lavori pubblici su strada o spazi comuni

Cantiere Marie-Pierre Gramaglia: è possibile la continuità in deroga solo per Quai des Etats Unis perché se non sarà annullato il Grand Prix, la buona riuscita del cantiere condizionerà l’evento.

In ogni caso, che si tratti di cantieri pubblici o privati, devono essere adottate le misure di sicurezza necessarie e quindi saranno rallentate le attività fino a fine settimana.

18.03.2020

Principato di Monaco: Il 17.03, il Principe Alberto ha annunciato l’entrata in vigore di disposizioni più rigide a partire da oggi 18 marzo per la vita di cittadini e imprese nel Principato. Tra le disposizioni citate, anche la chiusura dei cantieri edili.

Contattati gli Enti proposti, ci comunicano che la chiusura dei cantieri annunciata non riguarderà tutti i cantieri. Si attende quindi il Comunicato di stampa ufficiale che disciplinerà le nuove restrizioni per il settore edile nel Principato in questo periodo.

Discorso del Principe Alberto:https://it-it.facebook.com/MonacoInfo/videos/639098016916311/

17.03.2020

E’ atteso il parere del Governo francese sulla prosecuzione dei cantieri edili sul territorio francese o la sospensione. Da un lato, il settore delle costruzioni non è stato ufficialmente bloccato in ragione della necessità di continuità delle opere e dell’impossibilità di convertire il personale dipendente al telelavoro, d’altro canto, vige la necessità di protezione dei dipendenti sui cantieri dalla propagazione del virus, il Ministère du Travail sta quindi riflettendo all’ipotesi di chiusura dei cantieri edili.

17.03.2020

Emmanuel Macron ha annunciato ieri sera l’entrata in vigore di restrizioni sul modello italiano da oggi per la vita quotidiana di imprese e cittadini, tali misure saranno applicate per 15 giorni.

Inoltre, da oggi alle ore 12.00, le frontiere saranno chiuse per 30 giorni con lo scopo di limitare i contatti tra persone al minimo essenziale ma non di cessare le attività tra Paesi, in particolare:

  • Confini extra UE: potranno accedere solo i cittadini extra UE in possesso di un permesso di soggiorno rilasciato da uno Stato UE e dall’Inghilterra con una deroga per il personale medico di cittadinanza extra UE;
  • Frontiere Paesi UE: la chiusura concerne solo gli spostamenti per motivazioni private. I lavoratori frontalieri (dipendenti e imprese) potranno continuare ad intervenire giustificando la ragione dello spostamento (autocertificazione), non sarà inoltre interrotta la circolazione delle merci UE e extra UE
Per i vostri spostamenti professionali dovete munirvi delle 2 attestazioni l’attestation dérogatoire  e le justificatif de déplacement professionnel

16.03.2020

Francia Non ci sono restrizioni ufficiali ad intervenire sui cantieri edili in Francia. E’ consigliato per l’impresa di verificare con il committente la conferma di realizzazione del cantiere.

Principato di Monaco. Dal 05/03/2020 sono bloccati i rilasci delle autorizzazioni di cantiere per le imprese italiane provenienti dalle zone a rischio. Alla data odierna, la restrizione al rilascio è per le imprese provenienti da Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Marche e Piemonte (Provincia di Asti, Alessandria e Torino). Le imprese di questi territori in possesso di autorizzazione di cantiere rilasciata prima del 05/03/2020 potranno continuare ad intervenire ma dovranno essere vigilanti: vietati gli spostamenti dei dipendenti durante il week end o giorni festivi/feriali verso le zone a rischio.

16.03.2020

Il Governo francese ha emesso una serie di misure volte a sostenere le imprese francesi coinvolte dalla crisi economica COVID-19. Vi elenchiamo qui sotto le misure di cui potranno beneficiare anche le imprese non francesi:

– CONTIBUTI PREVIDENZIALI URSSAF PER LE IMPRESE SENZA STABILE ORGANIZZAZIONE IN FRANCIA CHE ASSUMONO PERSONALE DIPENDENTE CON CONTRATTO DI LAVORO FRANCESE:

Posticipata la scadenza di pagamento del 20/03/2020 per i contributi previdenziali URSSAF. Tale scadenza sarà dilazionata sulle future, da aprile a dicembre senza applicazione di sanzioni.

Non sono accordate proroghe e/o sgravi sanzioni sui pagamenti dell’iva francese (TVA), e sul Prélèvement à la Source (Ritenuta alla fonte sui salari dipendenti residenti francesi)

  • APPALTI PUBBLICI

In caso di ritardi di esecuzione per cause di forza maggiore, non si applicheranno le sanzioni previste da contratto. Nota bene: La stessa regola non si applica ai contratti privati dove saranno le parti a definire le modalità di applicazione del contratto.

15.03.2020

I dati di diffusione del COVID-19 al 15 marzo 2020 ripartiti per Regione son i seguenti

REGIONE CASI CONFERMATI
AUVERGNE RHONE ALPES 523
BOURGOGNE FRANCHE COMTE 412
BRETAGNE 207
CENTRE VAL DE LOIRE 71
CORSE 115
GRAND EST 1378
HAUTS DE FRANCE 507
ILE DE FRANCE 1209
NORMANDIE 143
NOUVELLE AQUITANIE 144
OCCITANIE 243
PAYS DE LA LOIRE 98
PROVENCE ALPES COTE D’AZUR 330
TOTALE 5.380

 

14.03.2020

Il Primo Ministro francese ha fornito le prime disposizioni volte a contrastare l’epidemia COVID-19 sul territorio francese chiudendo tutte le attività aperte al pubblico e non indispensabili alla vita quotidiana ossia ristoranti, bar, cinema, teatri, discoteche oltre alle scuole. Sulla stessa linea, il Principato di Monaco ha provveduto alle stesse disposizioni a tutela di cittadini e imprese.

14.03.2020

Le imprese del settore fieristico vedranno annullate le partecipazioni a fiere e saloni sul territorio francese fino a da data da definirsi in ragione della sospensione di tutte le manifestazioni che possono comportare aggregazioni di più di 100 persone.